Pubblicato in: cancro, cancro allo stomaco, concerti, controlli, pet, rem

Post a sezioni

Sezione 1
Sono molto molto delusa dal risultato del referendum: ma perché gli italiani sono sempre così menefreghisti???????

Sezione 2
Devo fare nuovi accertamenti per essere sicura di non avere nulla….incrociamo le dita…ci sono captazioni aspecifiche…

Sezione 3
IL CONCERTO DEI NEWEST INDUSTRY
Sabato sera ho partecipato ad un evento nella scena rock romana: l’esibizione live dei Newest Industry a 10 anni dall’uscita del loro cd ATEO PREGO, cd che ormai fa parte del mio vissuto storico!
Il concerto si è svolto nell’ambito di un Moonchild Party, ovvero le impedibili feste a base di dark, wave, grunge, elettronica che Massimo Santori, personaggio che si può definire una pietra miliare per l’etere romano, avendo condotto per circa 15 anni una delle trasmissioni più importanti nel mondo “alternativo”, organizza periodicamente.
Ero davvero impaziente di godermi finalmente questa esibizione, a dieci anni di distanza dal loro concerto che avevo visto nel 1995 a Palestrina, durante il Festival NEL NOME DEL ROCK.
Il palco allestito nel locale era piuttosto piccolo, e pieno! Erano in sette a suonare…di tutto! E si vedeva che si stavano divertendo…J
Hanno proposto i pezzi del cd, che suonano ancora molto attuali, e che in un certo senso all’epoca anticipavano lo stile dei Massimo Volume, con un cantato-parlato che va ad estendersi su un tappeto sonoro variegato.
In particolare ho apprezzato PREGA (per me un vero e proprio hit single), FUORI DALLA STORIA, SILENZIO, SETE, IMMAGINARIO COLLETTIVO e la conclusiva UN MESSAGGIO, molto significativa.
Ma il concerto ha spaziato anche nella produzione della naturale evoluzione dei Newest Industry, ovvero Zona Industriale per arrivare fino ai Noisy, il nuovo gruppo composto da parte dei membri della formazione storica.
Mentre li ascoltavo, sognavo ad occhi aperti ripercorrendo tanti momenti vissuti con quella musica nelle orecchie, tante piccole cose che ho scritto nelle pagine dei miei infiniti diari, ed è come se la vita fosse fatta di cerchi concentrici…
Del resto ci sono stati anche curiosi incroci nella mia vita, connessi ai Newest Industry:ci siamo ritrovati a vivere momenti in comune, magari scoprendolo dopo…
Quella di sabato è stata davvero una bella serata per me. Un concerto che non dimenticherò!
Ho deciso di trascrivere il testo di Prega, perché è davvero significativo:

PREGA
Prega che non arrivi il mio tempo,
Per l’eclissi di onestà,
Per il cono d’ombra che proietta terrore,
Prega.

Prega perché sia ancora guerra,
Per la televisione unica verità,
Per la tua “Capitale Morale” di un Capitale immorale…
Prega.

Agli uomini il pallone alle donne le novelle,
Ai più curiosi voci di falso dissenso,
Perché il Diritto diventi Privilegio
Prega.

Prega che tutti abbiano paura,
Che le tue armi bastino,
Ad uccidere tutti i ribelli del mondo,
Prega.

Che le parole non si sentano,
Che i sorrisi non si vedano,
Che la rabbia sia solo
Atteggiamento,
Prega.

Prega forte e continuamente
Ogni secondo della tua vita…
Prega.

(Testo: Ceccopieri/Spirito Musica: Spirito)
© 1995 Realtà Sommerse Organizzate
———————————————————————————-
Sezione 4

IL CONCERTO DEI REM
Venerdì sera finalmente il tanto atteso concerto dei REM. Sono arrivata presto, ma siccome non avevano ancora aperto i cancelli, da fuori ho potuto ascoltare il soundcheck, guardacaso proprio un paio dei pezzi che preferisco in assoluto…THESE DAYS e DRIVER8 (e che non mi aspettavo in questo concerto!)
Pessima l’impressione che ho avuto data dai DJ di RDS (un tizio biondo e Anna Pettinelli) che dal palco si riempivano la bocca di cazzate sui REM e che mi hanno proprio irritata, perché odio quel tipo di atteggiamento “ah guardate che grande gruppo, dei miti della musica rock”, mentre sicuramente prima di LOSING MY RELIGION non li avrebbero mai nemmeno calcolati… e adesso sembra quasi che li abbiano inventati loro.
Sorvolando sul gruppo che apriva lo show, il concerto dei REM si è aperto con I TOOK YOUR NAME, seguita da WHAT’S THE FREQUENCY KENNETH? Poi appunto THESE DAYS e DRIVER8 con cui i REM hanno riaperto una pagina del mio cuore che tengo celata dentro di me e che mi riporta al 1990, quando ascoltavo quotidianamente quelle canzoni e vivevo uno dei periodi più intensi ed indelebili della mia vita.
Poi (mon necessariamente in questo ordine) BAD DAY, LEAVE, THE OUTSIDERS, ANIMAL, ELECTRON BLUE, LEAVING NEW YORK, EVERYBODY HURTS, ME IN HONEY, ORANGE CRUSH, THE ONE I LOVE, WALK UNAFRAID, LOSING MY RELIGION, THE FINAL STRAW e poi, richiamati a gran voce, IMITATION OF LIFE, THE GREAT BEYOND, DJ, NIGHTSWIMMING, MAN ON THE MOON. Di sicuro dimentico qualcosa…
Comunque non voglio essere troppo didascalica nei miei resoconti dei concerti, ma è sempre stata una mia fissazione scrivere le scalette….E’ stato il 3° concerto dei REM che ho visto e loro sono sempre grandiosi. Chissà perché tutto il tempo mi veniva in mente Michael Stipe con i capelli lunghi fino alle spalle, ai tempi di Pop Song ’89 …adesso sembrano ormai impensabili…
Posso dire comunque che una volta la musica mi riempie i polmoni di vitale ossigeno….

Annunci

2 pensieri riguardo “Post a sezioni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...