Pubblicato in: mostre

Voglio andarci

Sì, ho deciso voglio andarci.
L’anno scorso, durante il periodo natalizio, ho approfittato delle mie cicliche visite a Milano per andare a vedere al Palazzo Reale la mostra di
TAMARA DE LEMPICKA, stupenda…

Quest’anno al Palazzo Reale si cambia completamente genere, ma l’artista oggetto dell’esposizione colpisce nuovamente la mia attenzione.

Dal 26 settembre al 20 gennaio 2008 il Palazzo Reale ospita la mostra dedicata agli abiti e alla moda creata da Vivienne Westwood, la stilista inglese che più si è avvicinata con la sua moda al mondo punk e alle atmosfere create dalla musica rock.

Non dimentichiamo che è stata anche la moglie di Malcom Mc Laren, che fu il manager dei Sex Pistols. Con lui aprì il negozio LET IT ROCK  a King’s Road negli anni 70. Di lì a poco il negozio sarebbe diventato il famosissimo World’s End.

Vivienne Westwood è stata più volte premiata come Stilista inglese dell’Anno e la sua fama è davvero notevole.

The wonder of Westwood ... "It's a self expression to find clothes that suit you."

Yes, now I’m sure I will go.
Last year, travelling to Milan as I always do, I visited the exhibition dedicated to
Tamara De Lempicka in Palazzo Reale, Milano.

This year Palazzo Reale completely changes the subject of the exhibition, but I’m still interested in it!

From September the 26th to January the 20th, 2008, Palazzo Reale is home to the exhibition dedicated to Vivienne Westwood and her creations. Dresses and shoes, everything in her world belongs to the punk culture and she is the stylist much more closer to rock music than any other.

We can’t forget that she was Malcom McLaren’s wife and he was Sex Pistols’ manager. Together they opened the boutique called LET IT ROCK in King’s Road which would soon become the famous WORLD’S END.

Several times Vivienne Westwood has earned the prize for British Designer of The Year, and she has a remarkable fame.

Annunci

12 pensieri riguardo “Voglio andarci

  1. Moz: no però ne ho sentito spesso parlare… mi piacciono le atmosfere, quando ero più giovane impazzivo per film tipo SID & NANCY. Ora un pochettino di meno, ma è sempre materia interessante….
    Magnolia: di sicuro ci sarà parecchio da vedere….

    Mi piace

  2. Stef. allora se ti capita vai…;-)

    Astro: beh io Sylvian l’ho già visto 3 volte, e non mi sembra che sia mai stato esageratamente espansivo, fa parte del suo modo di essere…
    Beh, racconterò poi le mie impressioni!

    Mi piace

  3. Anni e anni fa, Rai3 programmo’ Syd & Nancy alle 2 di notte. Puntai il videoregistratore ma il film, anziche’ alle 2, inizio’ alle 3 e la cassetta fini’ prima del previsto.
    Non l’ho mai visto tutto.

    Mi piace

  4. sono una stilista….amo il punk con tutta me stessa…amo vivienne westwood perchè è forse l’unica donna che si possa definire uno dei miei idoli…ho visto la mostra e quasi mi sono commossa per quello che sono stati capaci di creare quei due…mi permetto di correggerti e contraddirti…non si è avvicinata al punk…lo ha inventato! lei e il suo exmarito,come da te detto,malcom mclaren,agente e fondatore dei sex pistols che si sono conosciuti appunto in king’s road nel degozio di vivienne westwood e la è nato tutto…solo entrando oggi al world’s end si sente ancora quell atmosfera di ribellione e creatività..pensa nel 70..se ci sei andata alla mostra avrai visto…ti consiglio un documentario…dio salvi i sex pistols..dove sono intervistate tutte persone che all epoca erano li…a londra…all let it rock…e che dicono che è tutto merito di vivienne e malcom,,,quando essere punk voleva dire essere menato per strada perchè la gente nn tollerava neanche di vederti cosi”strano”… così diverso…quando nn era una moda fine a se stessa…con teschietti e righe bianche e nere del cazzo…. ma una vera espressione di ribellione sociale…inventata da loro due…pur essendo una stilista famosa da anni ha vissuto dormendo nel retro bottega del suo negozio e poi in una rulotte…va beh…storia del punk…quindi nn ci si è avvicinata l’ha inventato…ecco perchè tu oggi ti vesti come ti vesti e dici quello che dici…la frase too fast to live too young to die l’ha invevtata lei amica…nn ci si è avvicinata l’ha inventato…

    Mi piace

  5. Ciao anonima, grazie per questo lunghissimo commento. Che mi fa proprio piacere. Purtroppo alla mostra poi non ci sono più andata per mancanza di tempo, comunque sai, mi piace un sacco quello che hai scritto … grazie!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...