Pubblicato in: cancro, cancro allo stomaco, controlli, diario, pet, watching the world

Il mio secondo lavoro..

Ultimamente ho scoperto mio malgrado di avere un secondo lavoro non retribuito, almeno come quantitativo di tempo richiesto…Mi spiego:
a giugno dovrò fare una PET, la Tomografia ad Emissione di Positroni che permette di individuare i focolai di eventuali nuove cellule tumorali presenti all'interno del corpo.
Precedentemente l'ho sempre fatta a Napoli, ma adesso so che i macchinari idonei ci sono anche a Roma, quindi ho pensato: bene, questa volta mi risparmio il viaggio!

Ma prenotare è un'impresa! Nelle due volte precedenti, ho sempre telefonato alla struttura di  Napoli, davo i codici dell'impegnativa e via con l'appuntamento nel giro di pochi minuti.
Qui invece è diverso e siccome mi rimane poco tempo, perché la mattina dal lavoro non riesco, dedico i pomeriggi a questa attività:

Il primo pomeriggio chiamo il C.U.P. di Roma. Mi dicono che è impossibile prenotare questo tipo di esame tramite loro, ma che bisogna presentarsi di persona agli ospedali. Siccome la cosa sarebbe un vero problema, cerco un'alternativa, ma rimando al giorno successivo.

Secondo giorno: chiamo un'ospedale che non è lontanissimo da casa mia, se mi va bene di mattina posso raggiungerlo anche in … diciamo 45 minuti. Chiedo di prenotare una PET. Apriti cielo: mi dicono che per prima cosa devo andare da loro a ritirare un modulo. Il suddetto modulo lo devo portare al mio oncologo oppure al chirurgo che ha effettuato la mia operazione, che lo dovrà riempire e poi lo dovrò riportare a loro completo di numero di telefono del medico e solo allora potranno prenotarmi l'esame.
Penso che è una cosa pazzesca: ma questo è un esame che si fa prevalentemente per il cancro, possibile che una persona che ha avuto un serio problema deve anche sottoporsi a tutte queste maledette trafile? Per fare tutto questo mi ci vogliono almeno due mezze giornate di permesso, visto che gli ospedali sono distanti tra loro…

Terzo giorno: Provo a sentire un altro ospedale, questa volta ben più distante da casa mia. Mi chiedono un numero di fax. Mi manderanno lì i moduli e poi li devo portare o all'oncologo o al mio medico (che per giunta,  forse ingenuamente, mi aveva già preparato l'impegnativa). Una volta compilati i moduli andranno di nuovo trasmessi a loro. Allo scadere del terzo giorno dall'invio del fax, potrò richiamarli e finalmente mi diranno la data dell'esame.
Peccato che io non ho a casa un fax, prima avevo un programma sul pc che funzionava per il ricevimento dei fax, ora però ha dei problemi, e devo reperire al volo un fax.
Lo trovo per miracolo e ora sono in attesa dei moduli.

Riuscirò a prenotare questo esame? E' per la mia vita, non sto mica chiedendo un prestito, eppure devo fare tutti questi giri.

Speriamo almeno di riuscire ad ottenere qualcosa, è per questo che sto iniziando adesso a muovermi per giugno 2008 …e non esagero con i tempi….

Annunci

8 pensieri riguardo “Il mio secondo lavoro..

  1. Cara, come sai io la pet l’avevo fatta a pisa, e prenotare è stato facilissimo, una telefonata e l’appuntamento per pochi giorni dopo, perché l’ospedale del mio dottor zeta è convenzionato con quel centro del cnr. Hai ragione, qui a roma è una follia, il problema credo sia come al solito perchè i macchinari in tutta italia sono pochissimi e il numero di persone che deve farsi quel genere di esame purtroppo è sempre spropositato… Però basterebbe un po’ di organizzazione, di coordinamento tra oncologi e centri. E soprattutto niente burocrazia, che cazzo! (scusa, quando ce vo’ ce vo’…)

    Mi piace

  2. E’ una prassi nazionale ormai, io per la pet ho telefonato questa mattina e ci vado il 4 gennaio, ma non mi hanno parlato di moduli, mi hai fatto venire il dubbio, adesso richiamo..è il secondo lavoro che abbiamo, stare al telefono giornate intere per prenotare esami

    Mi piace

  3. Ciao Julia, ti dirò che mi farei alquanto schifo se dovessi affidarmi ad una raccomandazione per poter fare un esame… Che tristezza questo Paese!
    Giorgia: hai ragione, è una trafila allucinante, infatti come ho scritto oggi, basta, tornerò a Napoli!
    Moz: infatti delle volte purtroppo si parla solo delle cose negative. Invece, il Centro Diagnostico di Napoli è molto ben organizzato, una volta fatto l’esame, mi hanno mandato a casa i referti senza problemi e l’ultima volta anche 2 cd-rom con tutte le immagini della scansione corporea…
    Ziacris: che dirti, a Roma secondo me dipende dall’extramega sfondamento del tetto di spesa sanitaria, quindi avranno deciso di stringere i freni…
    In bocca al lupo per la tua PET di gennaio!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...