Pubblicato in: cancro, cancro allo stomaco, chemioterapia, coincidenze

GLI STRANI CASI DELLA VITA

Oggi al lavoro ho risposto ad una telefonata di una persona che voleva informazioni su un prodotto.
Per spiegarsi meglio, il mio interlocutore ha precisato: <<Ha presente le sacche per le flebo?>>

Sebbene siano passati esattamente 4 anni da quando ho finito la chemioterapia, ho sentito immediatamente un senso di nausea partire forte da dove un tempo avevo lo stomaco…

Nella mia testa le sacche per la flebo sono ormai legate al ricordo delle sacche coperte con la stagnola e piene di liquido rosso della chemioterapia e così sarà sempre, purtroppo.

Se avessi potuto, avrei risposto: HO PRESENTE, HO PRESENTE FIN TROPPO…e poi, complimenti, ha beccato la persona giusta!

Annunci

6 pensieri riguardo “GLI STRANI CASI DELLA VITA

  1. Sono quei flash che arrivano all’improvviso e ti fanno capire che, anche se non ne parli, anche se sembra non ci pensi più, non è vero, sotto sotto quel pensiero, quel ricordo rimane dentro indelebile

    Mi piace

  2. Io quando vedo l’alcol….mi viene da vomitare…..mi riempivano il braccio…e non riuscivo a togliere quella puzza ….spero che sia l’unico ricordo di quel periodo….ciao

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...