Pubblicato in: cancro, cancro allo stomaco, conseguenze gastrectomia totale, gastrectomia totale, sonno

Scrivere e vivere la notte

L'ho già scritto molte volte, una delle cose che è cambiata nella mia vita da quando mi sono ammalata è vivere la notte.
Ho sempre amato molto i silenzi notturni, ascoltare musica e scrivere. Trovo che di notte le idee siano più vere. Perché di notte i pensieri si muovono meglio, hanno più spazio per restare liberi. Di notte c'è anche più tempo per quando ci si sente tristi o pensierosi. Per quando si vuole restare davvero soli con se stessi.
E purtroppo invece adesso crollo addormentata subito dopo cena (salvo poi risvegliarmi spesso nel cuore della notte).
Purtroppo, il sonno serale riesco a dominarlo solo quando mi capita di andare ad un concerto. Allora lì  per forza di cose devo stare sveglia.
Altrimenti, se resto a casa,  non c'è possibilità che io riesca a stare sveglia oltre massimo le 22.
Può darsi che avrei perso l'abitudine di vivere le ore della notte lo stesso, anche perché in un monolocale è difficilie trovare un angolino dove stare svegli senza disturbare l'altra persona. Ma questo sonno così incontrollabile mi ha tolto una cosa cui tenevo molto.

Posso consolarmi ripensando agli anni passati in cui, pur dovendo lavorare il giorno dopo, molto spesso andavo a dormire a mezzanotte e oltre. E c'è stata musica e le migliori idee che nascevano di notte.
Ci pensavo l'altro giorno, quando per caso ho risentito questa canzone:
(è strano che a me piaccia una canzone di Sanremo, in genere musica opposta a quella che mi piace, ma questa canzone di Syria del 1997 descrive in pieno l'emozione di stare svegli di notte, anche con un peso sul cuore,  e tutto quello che adesso mi manca tanto)

 

Ci sono notti con la luna
che non vuoi dormire
e ti va di scrivere e pensare
l'orologio gira lento
dentro questa stanza
l'alba prima o poi dovrà arrivare

Annunci

7 pensieri riguardo “Scrivere e vivere la notte

  1. Anche le mie notti sono produttive, qualsiasi attività creativa mi riesce meglio di notte: scrivere, elaborare immagini, creare programmi software… Non so se sia il silenzio, la riduzione degli stimoli esterni che aiuta a guardare meglio dentro se stessi… ma forse sono solo un gufo.
    In compenso al mattino presto sono uno zombi, a prescindere da quante ore ho dormito.
    Mi dispiace che tu non possa più godere appieno del fascino della notte, ma quando il sonno chiama… non c'è niente da fare, parola di marmotta!
    Non è che qualche volta puoi provare a sfruttare i risvegli notturni? Io l'ho facevo mentre preparavo la tesi di laurea: mi capitava di svegliarmi verso le 2 con un'idea e partivo subito a svilupparla, magari fino alle 7 del mattino, e poi tornavo a dormire. Certo, sballa un po' gli orari, ma una volta ogni tanto…

    Mi piace

  2. Di notte si ha meno distrazioni, si ha più tempo per ascoltare i pensieri e le emozioni. A me piace star sveglia, non faccio nessuna fatica fino alle 2 o alle 3, se poi trovare da far due chiacchiere interessanti, vado a nozze

    Mi piace

  3. Ziacris: beata te!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Mia: penso proprio che F. non sarebbe d'accordo, guai a svegliarlo…magari un domani che avrò una casa con due stanze…

    Mi piace

  4. anche io sono in origine un animale notturno, ma ben prima della malattia, a partire dalla nascita delle nane ho avuto un deficit di riposo tale che oramai arrivare – in casa – oltre le 22 è veramente difficile. adesso sotto terapia mi capitano delle notti insonni. ma è un'insonnia chimica, lo sai, che ha ben poco di creativo. ma altrimenti ricordo che all'università cominciavo a studiare verso le 18 e rendevo meglio da quell'ora in poi. bei tempi 😉

    Mi piace

  5. Il problema non è la notte, per me: ormai ho cambiato abitudini e faccio sempre abbastanza tardi, anche perché qualche paginetta di libro non deve mancare mai. Il problema è la sveglia mattutina prima delle sette. Aaagh!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...