Pubblicato in: cancro allo stomaco, eventi, nostomachforcancer, vivere senza stomaco

No Stomach For Cancer 2012 Walk

Tempo fa vi avevo raccontato di come mi sono imbattuta nel sito Nostomachforcancer.org. Il sito che si propone di unire il potere di cura (assistenza) delle persone di tutto il mondo affette da tumore allo stomaco, per supportare la ricerca. (E anche per fornire moltissimi consigli utili)…

I volontari che lavorano per far conoscere i problemi legati a questo tipo di tumore, poco conosciuto e spesso diagnosticato solo quando è in fase avanzata, si danno molto da fare e hanno fatto sì che il Senato degli Stati Uniti riconoscesse con una risoluzione ufficiale Novembre come il mese dedicato alla tumore allo stomaco. Secondo il sito 1.000.000 di persone ogni anno ricevono la diagnosi di tumore allo stomaco e circa 800.000 muoiono (questo anche perché spesso si arriva alla diagnosi TROPPO tardi).

Poco o nulla si fa  per far conoscere in maniera adeguata questo tipo di tumore.

No Stomach For Cancer ha deciso di organizzare per il 3 novembre 2012 la 1a Passeggiata Annuale Mondiale per sensibilizzare l’opinione pubblica sul tumore allo stomaco.

Noi che veniamo colpiti da questa malattia non abbiamo una Race for the cure e quant’altro, solo un Grande Silenzio.

Dato che la Passeggiata può essere liberamente organizzata ovunque, in tutto il mondo,  io e gli amici del gruppo Facebook Vivere dopo il cancro allo stomaco si può! abbiamo deciso di portare questa manifestazione anche in Italia, e ci stiamo attivando per realizzarla a Milano.

Vi terrò aggiornati sui dettagli della giornata, ma la cosa che mi piacerebbe di più e che questa notizia venisse diffusa il più possibile.

C’è molto bisogno di portare alla luce questo tipo di tumore, troppo spesso poco riconosciuto.

Annunci

21 pensieri riguardo “No Stomach For Cancer 2012 Walk

  1. ….non mi piace questo “grande silenzio”….e sì, bisogna dar voce e sensibilizzare di più, attirare l’attenzione, anche e soprattutto da parte delle istituzioni, troppo spesso dormienti..
    La Tua / Vostra iniziativa è sicuramente un buon inizio e se tanto mi da tanto (visti “i vertici” dell’organizzazione…), ne uscirà una grande cosa!
    Complimenti Rosie, non Ti smentisci mai!

    Mi piace

      1. deve essere un prob dovuto all’aifon ché mi chiede dumila password e poi non mi fa fare le operazioni comunque…ora provo con il link
        bacio!

        Mi piace

  2. Brava Rosie è una bellissima idea, è vero di questa patologia si parla poco e invece bisognerebbe parlarne ben di più visto anche la necessità di una diagnosi precoce che sarebbe come sempre utilissima. Io, dalla mia isola ho condiviso il link su fbk, ma pubblicizzerò qualsiasi cosa tu organizzi. Un abbraccio, Carmen

    Mi piace

  3. ciao.
    mi sono imbattuta nel tuo blog così, per caso.
    mio nonno è morto all’età di 35 anni per un tumore allo stomaco, diagnosticato troppo tardi e in un epoca in cui la parola cancro sapeva ancora di stregoneria, e mia madre è cresciuta orfana di padre per questo motivo.
    mia madre è medico ora e lavora assiduamente alla ricerca sul cancro. in particolare quello allo stomaco.
    non partecipiamo alle marce, ma vi siamo vicini in altri modi.
    il mio commento era solo per far sapere che nonostante il silenzio mediatico e i fondi spesso dirottati verso patologie più “conosciute” ci sono sempre quelli che, dietro le quinte, dietro i riflettori, continuano a combattere per trovare cure sempre più efficaci e precoci.
    never give up!

    Mi piace

    1. Cara Amanda, ti ringrazio molto per questo tuo commento. Apprezzo molto chi fa ricerca ed infatti so che ad esempio negli ultimi anni si utilizza anche l’herceptin in alcuni tipi di tumore allo stomaco, cosa che prima non si faceva. Faccio veramente i complimenti a tua madre per il suo lavoro degno di lode.

      La nostra passeggiata sarà per porre l’accento sul fatto che abbiamo bisogno di aiuto anche dopo l’operazione, che per quanto ci sforziamo abbiamo dei limiti di energie che non vengono quasi mai compresi, che c’è bisogno che si parli anche di questo tumore. Ma è bellissimo che la ricerca vada avanti.
      Grazie

      Mi piace

  4. Buona sera a tutti…
    Spero tanto di riuscire a portare a Milano mio padre il 3 novembre…anche se la chemio lo sta buttndo giu. Gli han portato via gran parte di stomaco, ha una microcisti, e c’è chi la definisce tale, chi dice che è stata una strisciata di bisturi, e altro ancora…. Fatto sta che ha cominciato la chemio e ha perso qui pochi chili che aveva recuperato… Sto vedendo mio padre piangere…soffrire così non ‘ho mai visto…
    Ieri affidandomi al web ho cercato dei pareri su alcuni disagi comuni per chi come luiha subito l’intervento…e tra i pareri ci sono cose che dovrebbero essere rese note ai pazienti dopo l intervento, ma che purtroppo non accade….
    Terminando il mio sfogo, la cosa piu sconcertante in questa esperienza sono i pareri contrastanti su comr procedere….c’è chi effettuerebbe un altro intervento, chi nn farebbe l’intervento xkè rischioso e difficile, chi ritiene vada bene la chemio… Praticamente siamo in balia delle onde…attendendo quello scogio che ci faccia arginare quel mare….
    Notte Angela

    Mi piace

    1. Ciao cara Angela. Mi dispiace per tuo padre, purtroppo in molti casi si ha a che fare con pareri discordanti. E per noi è difficile decidere.
      Io di mio posso dire che ho fatto chemio a 35 anni ed è stata davvero dura, ho perso 16 kg, mi sono perfino dovuta comprare un cuscino per stare seduta perché le ossa del sedere erano doloranti sulla sedia!

      La mia fortuna è stata poi riprendermi e tornare come prima. Ma so bene che le difficoltà per i pazienti gastroresecati sono tante e nel mio piccolo, con l’aiuto di altri amici, cerco di fare qualcosa per questo…

      Sarebbe bello vedervi il 3 novembre, ma se tuo padre fa la chemio non lo sforzare troppo. Spero solo che questo possa essere il primo di tanti eventi. Nel frattempo ci sentiamo anche nel gruppo.
      In bocca al lupo.!

      Mi piace

      1. Ciao cara…
        Grazie per il tuo contributo. Ieri è stata una giornata via. Mio padre ha subito due interventi per via di trombosi ai due arti inferiori. Causa sindrome para….ovvero effetto collaterale dell’ intervento….
        Ma xke nessuno ci ha mai detto che saremmo potuti andare incontro a qst patologia? Il dottore ieri prima dell’ interventi ci ha detto ” nn si dirvi se supererà l intervento”, ma la Madonna ieri ha voluto proteggerlo ed e ui cn noi. Ora vorrei portare mio padre in qualche centro specializzato x il suo cancro. Cosa mi consigli?
        Grazie….ecmq anche se sola verro io il 3 novembre….

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...