Pubblicato in: i miei libri, libri, libri sul cancro, viola e nero

Danzando sui vetri rotti di Ka Hanckok

Mi è capitato di leggere questo libro: Danzando sui vetri rotti di Ka Hankcok

 e mi sono profondamente ritrovata nella storia.

Perché questo libro assomiglia molto al mio romanzo Viola e Nero. E ho rivissuto il mondo nel quale mi ero immersa per scrivere la vicenda che volevo raccontare in quel libro.

In Danzando sui vetri rotti c”è una donna che proviene da una famiglia dove i casi di cancro sono stati frequenti, Lei stessa ne è stata colpita anni addietro. E c’è un marito che soffre di disturbo bipolare con crisi frequenti, che lo obbligano a temporanei ricoveri in cliniche psichiatriche. Un uomo che si può amare solo se si è sufficientemente coraggiosi. E Lucy lo è.

Ma entrambi hanno preso un impegno: niente figli. Sarebbe troppo problematico con le loro storie cliniche.

Invece un giorno Lucy durante i controlli scopre di essere incinta. La notizia sconvolge la loro vita e Lucy decide che se è successo deve esserci una ragione e che quindi porterà avanti la gravidanza.
Ma dopo pochi giorni arrivano i risultati dei controlli e il cancro si è risvegliato.
E c’è una frase che mi ha colpita molto:
<<Ho capito in quel momento che la parola peggiore di tutto il dizionario non è ‘cancro’ come avevo creduto a lungo, ma ‘metastasi’.>>

Da qui nasce il dilemma se abortire o affrontare la gravidanza lasciando da parte le cure che potrebbero salvarla. E Lucy deve anche chiedersi come potrebbe essere lasciare un figlio (nel caso non dovesse farcela) a un marito con disturbi psichici…

Per tutto il romanzo mi sono immersa nei pensieri e nelle sensazioni che avevano riempito la mia mente scrivendo Viola e Nero, la storia di Francesca che si trova finalmente incinta dopo tanta attesa e subito dopo le viene diagnosticato il cancro. E decide di andare contro il parere dei medici scegliendo di avere il bambino che aspetta.

Ed è strano ritrovarsi in un romanzo scritto da un altra persona ma con stati d’animo simili (anche se i miei sono stati soltanto immaginati per tutta la parte riguardante la gravidanza…)

A parte tutto mi è tornata una grande voglia di scrivere, il problema è riuscire a trovare un po’ di tranquillità per farlo, speriamo magari nei prossimi mesi… 🙂

Mentre invece per leggere il tempo è sempre più facile da trovare…

Annunci

10 pensieri riguardo “Danzando sui vetri rotti di Ka Hanckok

      1. ….inizia dalla fine, da metà, con o senza titolo (??!!), purchè scrivi…. scrivi, perchè lo fai molto bene e perchè è un piacere leggerTi

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...