Pubblicato in: riflessioni

Trasformazioni

Penso che in un periodo particolare come questo, una cosa che ci viene chiesta spesso è la capacità di adattamento e di trasformazione dei propri desideri e attitudini.
Si tratta di lavorare sulla propria mente e sulla propria volontà per riuscire ad accettare cambiamenti e situazioni che non erano previsti.
Non è sempre facile e pure io faccio fatica in molte situazioni ostiche.
Poi penso: ma non ho imparato nulla dalla malattia?
Eppure quella è stata in assoluto la volta in cui più di tutte mi sono dovuta adattare a cose difficili da accettare, a momenti in cui veramente mille volte ho pensato di non farcela. Ma invece poi ce l’ho fatta, ed eccomi qui…
Ripensando a queste cose realizzo sempre che in fondo non ci sono cose insormontabili, si tratta solo di trovare la maniera migliore per adattarsi anche alle cose meno facili.
Pensare che le difficoltà fanno parte del gioco della vita e farsi forti per reagire è la cosa migliore.
Certi giorni ci si riesce di più, certi giorni di meno…
Queste considerazioni scaturiscono da una giornata di quelle in cui uno pensa: ma tutte in un giorno succedono?
Poi in fondo quando arriva la sera è lecito pensare: e anche questa è andata…
Adesso, prima di andare a fare una bella dormita, penso proprio di fare un break dai pensieri e concentrarmi invece su cose belle come il concerto sempre più prossimo…
Ma avevo voglia di scrivere queste riflessioni qui, dove restano da rileggere anche in altre occasioni e da condividere con persone che mi capiscono fin troppo bene …

Annunci

6 pensieri riguardo “Trasformazioni

  1. Cara Rosie,
    è verissimo tutto quello che scrivi.
    Però è anche vero che le difficoltà, pur facendo parte di questo grande gioco, al quale dobbiamo reagire rimboccandoci le maniche, ci danno giornate sì e giornate no.
    Sono sempre più convinta che la sensibilità, nostro asso nella manica, per alcuni versi, per altri ci fa gioco contro.
    Tu scrivi sempre.
    4p

    Mi piace

  2. La capacita’ di adattamento, che spesso va a braccetto con la capacita’ di reagire e’ quel “pregio camaleontico”, talvolta innato, ma anche no, che permette di fronteggiare, sopportare, e appunto reagire, a situazione particolari o delicate….purtroppo talvolta viene meno, ma e’ normale….l’importante e’ che poi, alla fine, si esca dall’enpasse……e a me pare tu te la stia cavando egregiamente!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...