Pubblicato in: cancro, watching the world

Never forget

Oggi tornavo a casa dall’ufficio, ancora tutta contenta per il concerto di Morrissey, nella mente mi è rimasta Kiss me a Lot, continua ad avvolgersi tra le pieghe del mio cervello, trasmettendomi energia.
Con la canzone in testa, immaginavo cosa cucinarmi per pranzo e da un negozio ho visto uscire una donna, pallida, i vestiti vuoti, le gambe deboli, un foulard annodato sulla testa.
Ho subito pensato, poverina, chissà come si sente. E poi ci ho riflettuto, io lo so bene come ci si sente.

Ma ho avuto fortuna, sono ritornata come ero prima (di fuori al 100%, di dentro sono un po’ rappezzata, con un pezzo in meno, ma fa niente…), anche se sono momenti che uno non può dimenticare.
Ma sono qui che penso ai concerti, penso alla gioia del mio matrimonio, penso a una vita che è sempre molto vicina a quella normale. Dopo dieci anni in qualche modo sono riuscita a lasciare nel suo spazio definito il periodo in cui sono stata davvero male per il cancro, per il resto sono stati anni di tanta paura ai controlli, ma anche di voglia di avere sempre la forza per andare avanti. E di tanta fortuna, innegabile fortuna che mi ha permesso di tornare a preoccuparmi più che altro per le piccole cose di ogni giorno.

Ogni volta che vedo una persona che sta affrontando il cancro adesso, il primo pensiero che ho, il primo augurio, è quello di vivere un’esperienza che si snodi su una base positiva come è successo a me, oppure per dirla in due parole, che tanta tanta fortuna possa assisterla in questo percorso di terapia, e che questo possa condurla presto a vedere la luce alla fine del tunnel.

Magari il mio sguardo potrebbe involontariamente indugiare troppo su di queste persone, e se lo faccio mi scuso, ma è solo per trasmettere la grande empatia che provo…Perché in fondo non si dimentica mai l’esperienza vissuta.

Annunci

4 pensieri riguardo “Never forget

  1. Brava concordo cara Signora……..che effetto!!!!!!!
    A rieccomi dopo un po’ d’assenza, ma tra una visita e l’altra il tempo e la combinazione di tante cose ….. Comunque ho il certificato…….sono ipertiroidea, ma porcaccia la miseria a me bastava anche solo la mia vecchia ipertensione.
    Gli esami e la scintigrafia hanno confermato il tutto…domani faccio l’ecografia, ma comunque ho iniziato la terapia col Tapazole.
    Sto facendo tutto al Policlinico di Milano, tranne l’eco se no si andava a Maggio, e direi che mi trovo bene. Mi hanno dato l’esenzione e pensare che io per 19 anni non l’ho mai chiesta per l’ipertensione.
    Niente di che, ma sai come ho fatto a scoprirlo. Ero andata da un reumatologo e dopo un po’ di cincischie varie mi fa “ma la sua tiroide come sta???” Detto fatto.
    Bacione
    4o

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...