Pubblicato in: libri, libri sul cancro, passioni, recensioni

Ovunque tu sarai di Fioly Bocca

ovunque

Ho iniziato a leggere questo libro per due ragioni, la prima è un post sponsorizzato che mi è comparso diverse volte su Facebook (advertising online che funziona…) e che già aveva attirato la mia attenzione, la seconda è che la copertina ha qualcosa che fa sognare…

Io leggo i libri per prima cosa con una sorta di occhio emotivo della mente che mi permette subito di capire se un libro potrà appassionarmi o no, e questo libro lo ha fatto subito, dalle prime pagine.
Come quasi tutti i libri che scelgo, potrei dire quasi ad occhi chiusi e spesso senza saperlo prima,  anche qui c’è una storia di cancro. Il cancro che ha colpito la madre di Anita, la giovane protagonista, e che non le sta dando scampo.
Anita è molto legata alla madre e le scrive ogni sera per raccontarle di sé visto che non vivono nella stessa città, Anita a Torino, la madre in Trentino.

Come spesso capita, il cancro sia vissuto in prima persona o da un familiare è sempre un momento per ripensare la propria vita, per aprire di colpo gli occhi sulle cose che non vanno e sulle strade che sarebbe meglio lasciare per trovarne nuove da percorrere.

Anita vive un rapporto di quelli che alla fine diventano solo abitudine, con Tancredi, al suo fianco da parecchi anni. E forse qualcosa non funziona più ma nessuno ha il coraggio di ammetterlo, anzi tra loro si parla di nozze, o almeno questo è ciò che Anita racconta a sua madre.
Un giorno in treno Anita conosce Arun, un ragazzo italo-cambogiano che ha qualcosa di magico. L’incontro potrebbe rimanere solo un momento senza altri risvolti nella vita di Anita, se il destino non ci mettesse lo zampino.
C’è una frase che si ripete in quasi tutti i capitoli e che ho davvero adorato, una bellissima invenzione di scrittura (che qui non riporto per non svelare tutto…) ma che veramente mi è sembrata geniale. Qualcosa che ha a che vedere con il fatto che se conoscessimo prima ciò che ci succederà sicuramente la nostra vita sarebbe totalmente stravolta.

Questo libro racconta una storia che per certi versi è simile a una favola. Una storia che appassiona, da leggere tutta in una volta.

I capitoli finali mi hanno fatta pensare ad Anna Widepeak e a una delle sue grandi passioni… (lo so che la cito molto spesso, ma Anna è sempre nella mia mente).

E mi ha incuriosito il racconto dello spettacolo del Cirque du Soleil Alegrìa, un altro momento magico nel libro.

Consiglio questa lettura, a tratti dolorosa, ma piena di vita e di speranza, quindi bellissima. E sono contenta di aver comprato anche questo libro, devo dire che trovo molte narratrici contemporanee che mi piacciono, ultimamente.

Link alla pagina del libro sul sito della casa editricehttp://www.giunti.it/libri/narrativa/ovunque-tu-sarai/#

Annunci

4 pensieri riguardo “Ovunque tu sarai di Fioly Bocca

  1. L’avevo notato ma non l’avevo degnato che di uno sguardo superficiale, dato che non rientra nel tipo di lettura a me congeniale. Mi ci hai fatto ripensare. E chissà che non riesca pure a leggerlo. Certo è che la tua valutazione letteraria riesce sempre a coinvolgere e a stimolare la curiosità.
    Grazie e un grande abbraccio.
    Luisa

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...