Pubblicato in: Barcellona, viaggi

Con occhi diversi

Nel gennaio 2004 stavo attraversando un periodo emotivamente difficoltoso. Ma ricordo molto bene di aver fatto un viaggio in Spagna con delle amiche, destinazione Barcellona.

Ricordo la bellezza della città, le incantevoli opere di Gaudí, la curiosità di vedere una città per me nuova. Ma ricordo anche la sensazione di peso nel cuore per le tante cose che non andavano bene.

Di li a pochi mesi il cancro che sicuramente già avevo in quei giorni, avrebbe dato i primi segni della propria indesiderata presenza.

Lo scorso weekend sono stata di nuovo a Barcellona. Dopo 13 anni. Ed è stata un’esperienza completamente diversa.  La stessa città è apparsa ai miei occhi solare, tranquilla, piena di vita. Sarà stato anche perché, a differenza di 13 anni fa, ho imparato lo spagnolo e quindi capivo molte più cose, sebbene a Barcellona si parli di più il catalano.

Mi sono ritrovata a girare per  le strade con uno stato d’animo completamente diverso.

Mi sentivo più leggera. Sarà forse l’emozione che scaturisce dalla consapevolezza di avere avuto una seconda chance.

La fortuna di aver trascorso una giornata di sole bellissima al Port Vell,  mi ha dato tantissima energia nonostante la naturale stanchezza per il gran camminare.

Anche se il week-end è trascorso in maniera fin troppo rapida, mi ha fatto molto bene, ma soprattutto mi ha fatto comprendere per la milonesima volta quanto le cose sembrino più belle dopo aver avuto una seconda possibilità.

Ed è stato per la gioia che mi ha dato questo viaggio, che ritornare in Spagna al più presto,  è apparso nella mia lista delle cose da fare assolutamente.

Annunci

4 pensieri riguardo “Con occhi diversi

  1. Io non ho parole.
    Quante coincidenze …..
    Stavo leggendo la recensione del libro che hai letto ultimamente e ad un certo punto hai detto che la tua mamma amava l’opera e io tra me e me ho pensato, ma guarda un po’ come mio padre. Sin da piccola il mio orecchio udiva le varie melodie della Traviata, la Butterfly, la Aida,
    la bohème, Nessun Dorma dalla Turandot, la Carmen, solo le principali opere niente di che, ma questa cosa ci accomuna.
    Poi leggo di Barcellona e ho sorriso.
    Sono tornata giovedì da Barcellona……Sagrada Familia, entrata a testa in su e uscita basita da tanta bellezza e colore. Parco Guell visitato pochissimo (orario che coincideva con l’andata in aeroporto), la Rambla con gli artisti di strada fantastica, il mercato della Boqueira un mondo di verdura e frutta.., L’ospedale di Santa Creu e Sant Pau, qualcosa di pazzesco, patrimonio mondiale dell’Unesco.
    Tanto verde, perché l’ammalato a QUEI TEMPI doveva respirare aria purificata……
    Barceloneta il quartiere del mare, insomma tutto favoloso.
    Devo tornare e osservare tutte le opere di quel piccolo grande genio di Gaudì.
    Mia nipote ha deciso per ora di rimanere a Valencia a vivere e lavorare. Ci prova……..
    Mi sono dilungata troppissimooooooooo
    Ciaoooooooooooooooooooooooooooooooooooooooo

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...