Pubblicato in: diario, hobby, pensieri

Knitting my soul

Ci sono giorni in cui le cose sembrano più difficili. Giorni in cui pare di soccombere alle difficoltà e tutto ciò di cui si ha bisogno è un po’ di relax.

Nei giorni così mi rivolgo ai miei hobby per cercare tranquillità e uno di essi, come ho raccontato molte volte è il lavoro a maglia.

Il colore dei gomitoli, la consistenza della lana e dei ferri di legno aiutano a liberare la mente dai pensieri e a intrecciare i fili dell’anima verso stati emotivi più sereni.

Meglio ancora se contemporaneamente riesco a guardare un film in streaming. Alla fine la vita è troppo breve per soccombere alle sensazioni negative, meglio colorare il proprio mondo, invece di viverlo in bianco e nero.

Oggi mi esprimo come uno spot pubblicitario ma è cosi che mi sento, con la voglia di reagire ai momenti in cui le cose non vanno proprio come si vorrebbe.

Annunci
Pubblicato in: boy george, culture club, diario, hobby, ricordi, sanremo

Hobby e passatempi

Con tutta la tensione accumulata per la storia del verbale di invalidità, in questi ultimi giorni non mi sono sentita benissimo.

Ieri ero a casa e al pomeriggio ho deciso di passare il tempo in una maniera inconsueta. Solitamente io quando devo sfogarmi scrivo, invece ieri no, ho deciso di fare qualcos’altro.

Ho messo nello stereo questo cd:

Dappertutto ieri si parlava di Sanremo e mi è tornato alla mente Sanremo 1984, edizione in cui Boy George partecipò con i Culture Club, presentando Victims. E ci fu anche l’episodio curioso del suo fermo all’aeroporto di Nizza perché nonostante le generalità maschili, era abbigliato da donna, e dovette cercare l’aiuto di una manager della sua casa discografica per riuscire ad arrivare a Sanremo.

Ai tempi Boy George mi piaceva moltissimo, ed essendo una grande fan mi ero anche creata un pupazzo che lo rappresentava, cosa che molti fans facevano ai tempi. Quel pupazzo è poi andato perduto, contro la mia volontà.

Ieri presa da un attacco di estemporanea nostalgia, ho preso stoffa, vecchi vestiti, colla, e lana ed ecco cosa ne è venuto fuori:

Cosa ci faccio adesso, a più di 40 anni, con un pupazzo che rappresenta Boy George? Niente di speciale, ma almeno mi sono divertita, mi sono distratta e non rimpiangerò più il mio vecchio pupazzo perduto…

Anche questo può bastare per un pomeriggio! 🙂

Pubblicato in: hobby, i miei libri, ilmiolibroit, ilpoetainnero, mornington crescent, scritti, scrittura

Emozioni come ciliegie!

Ieri è stata davvero una giornata particolare, perché mi sono arrivate due belle notizie, insieme, come una coppia di ciliegie gustose!


Entrambe le notizie sono legate al mio hobby della scrittura.

La prima è una recensione del mio romanzo Mornington Crescent, apparsa su ilmiolibro.it ad opera di Enzo D'Andrea, un altro autore presente sul sito.
E' stato molto bello leggerla perché si tratta di una recensione inattesa, – da parte di una persona che non conosco –  e che mi è piaciuta molto.
Quando si scrive si tenta sempre di comunicare qualcosa, e leggere una recensione di questo tipo, scritta con dovizia di particolari, osservazioni e, perché no, anche piccole critiche, non ha veramente prezzo. L'idea di aver scritto una storia che in qualche modo ho condiviso con altre persone mi mette sempre i brividi.

Dopo qualche ora mi è arrivata la comunicazione da parte sempre di ilmiolibro.it che si è conclusa la prima fase del concorso Ilmioesordio, un concorso che si pone come obiettivo scovare libri interessanti tra i tanti autopubblicati sul sito.

Degli oltre 2600 romanzi presenti in concorso ne sono stati selezionati 200 che passano alle semifinali. Poi ne resteranno 30 e poi uno sarà il vincitore.

Per curiosità sono andata a dare un'occhiata ai 200 prescelti e veramente ho SGRANATO gli occhi quando ho visto che c'era anche il mio Il poeta in nero. Per me è già una gran bella soddisfazione, sono contenta così, non aspiro ad altro!

Insomma la scrittura che è il mio hobby preferito, ieri mi ha dato una bella soddisfazione, mentre sto per ultimare un altro romanzo su cui sto lavorando.

Non mi ritengo davvero una scrittrice, ma quanto piuttosto una persona che ama esprimersi con la parola scritta (vista anche la mia timidezza che mi condanna ad essere sempre piuttosto taciturna…)  Anche se non pubblico con un editore, sono felice così. E' la gioia di scrivere e di raccontare le storie che mi girano per la testa che mi fa stare bene, anche quando magari attraverso momenti un po' di down…e sarò contenta di scrivere finché mi verranno in mente storie da inventare…

Ecco la mia scheda completa su ilmiolibro.it:

http://ilmiolibro.kataweb.it/community.asp?id=80232

Pubblicato in: film, hobby

Piccoli momenti di casa

Visto che sto passando dei giorni a casa, per i problemi di anemia, devo pur passare il tempo in qualche modo (ma per fortuna io non mi annoio mai, annoiarsi è una cosa davvero inutile!). Home01Ovviamente c'è il mio EeePc che mi fa compagnia, anche se lo uso per circa mezz'ora alla volta, dopo si scalda troppo. Però, visto che ne parlo sempre, metto qui anche la foto di questo piccolo gioiellino (l'unica cosa che mi angoscia un po' è il tasto spazio, che non sempre funziona bene…) Ma per il resto è tutto ok.

Poi ci sono i libri, ovviamente e poi anche il lavoro a maglia di cui ho confessato di essere "vittima" …eheheh
Così passano i giorni in attesa di riprendere meglio le forze.
Home02

E poi i cd che più sto ascoltando in questi giorni:

DROPS MADE – Mardi Gras

CANTAR A LA MORTE: FABULA TRISTE – Ordo Funebris

AMANETHES – Tiamat

e, per finire:

THE SWELL SEASON  (Glen Hansard e Marketa Irglova), perché venerdì finalmente esce ONCE anche in Italia….E direi che era ora..visto che inizialmente era stato previsto per novembre 2007!